Federico-Cafiero-De-Raho-800x533

Giochi in Italia, De Raho (proc. Antimafia): “Piattaforme all’estero e punti vendita in Italia per gioco online illegale”

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io Made with Flare More Info'> 0 Flares ×

«Le indagini sviluppate sul territorio ci fanno comprendere come le mafie preferiscano settori con rischio ridotto, quelli in grado di far raggiungere facilmente la ricchezza finanziaria. In Romania,  Austria e a Malta sono state create piattaforme per il gioco illegale che, secondo le inchieste negli ultimi anni, disponevano di punti vendita sul territorio. Il denaro impiegato per le scommesse veniva così esportato all’estero, con un’organizzazione enorme. Sono state riciclate cosi grandi masse di denaro». È quanto ha spiegato il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho, nel corso della presentazione del Rapporto di ricerca del Progetto sul settore del Gioco di Luiss Business School e Ipsos.

«Guardando alla rospettiva del settore, occorre partire dai controlli e dalle verifiche – ha proseguito – Ci avviciniamo al rilascio e al rinnovo delle concessioni, dobbiamo tenere alta la guardia per evitare infiltrazioni. Sempre sul tema dei controlli, chiedo alle autorità di riferimento chi compia i controlli sulle sale giochi e come venga svolto il check. Le giocate finiscono sempre nei sistemi pubblici di verifica? E poi, chi controlla quello che c’è attorno alle sale giochi? Mi riferisco ai fenomeni dell’usura e della ludopatia. Il gioco è un’industria rilevante, che ha bisogno di controlli stringenti da parte dello Stato». NT/Agipro

 

 

Fonte agipro, foto wikipedia