Il Giornale_Pagina Ughi

Su “Il Giornale” l’appello di Maurizio Ughi contro distanziometro: “Una misura priva di senso. Prendiamo distanze dalle distanze”

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

“Giochi CON Frontiere. Alcune amministrazioni locali vietano i giochi pubblici dello Stato entro 500 metri da banche, stazioni,ospedali, luoghi di culto, cimiteri. Questa misura è priva di senso”. Maurizio Ughi, amministratore unico di “Obiettivo 2016″ lancia un nuovo messaggio al Governo e lo fa attraverso “Il Giornale”.

Il Giornale_Pagina Ughi

“LONTANO DAGLI OCCHI LONTANO DAL CUORE? Se l’amministrazione locale pensa che vietare i Giochi dello Stato in un raggio di 500 metri significhi aver azzeccato la giusta terapia, oltre i 500 metri chi ci pensa?

La realtà è che stanno PRENDENDO LE DISTANZE dalla propria volontà di affrontare l’argomento per l’INCAPACITA’ di trovare una soluzione.

E NOI PRENDIAMO LE DISTANZE DALLE DISTANZE

Il settore dei giochi pubblici dello Stato e i cittadini tutti meritano soluzioni serie, ragionate e NO SPOT SUI CENTIMETRI. Noi concessionari di Stato e gestori siamo i veri professionisti in grado di affrontare l’argomento con professionalità.

Questa competenza è il nostro mestiere. Per NOI non c’è distanza che tenga”. Maurizio Ughi