1-tar

Slot, Tar Bolzano conferma distanziometro: “Misura necessaria per tutelare i più deboli”

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

 

ROMA – La norma della provincia di Bolzano che prevede la rimozione di slot machine e di videolotteries in un raggio di 300 metri dai luoghi sensibili è del tutto legittima: è quanto ribadisce il Tar altoatesino rigettando il ricorso di un esercente a cui era stata imposta la rimozione degli apparecchi. Le disposizioni sulle distanze “sono dichiaratamente finalizzate a tutelare soggetti ritenuti maggiormente vulnerabili – si legge – e a prevenire forme di gioco cosiddetto compulsivo”. Non regge il principio di tutela della concorrenza sostenuto dalla società ricorrente: il Collegio sottolinea come le norme europee stabiliscano “che spetta a ciascuno Stato membro decidere, se, nel contesto dei legittimi scopi da esso perseguiti, sia necessario vietare totalmente o parzialmente attività della suddetta natura, oppure soltanto limitarle e prevedere, a tal fine, modalità di controllo più o meno rigorose”.Il gioco rientra in questi casi: “E’ un fatto che il fenomeno del gioco lecito – si legge ancora – ha assunto in Italia dimensioni notevoli. La perdurante crisi economica induce lo Stato ad aumentare l’offerta di giochi leciti, per ottenere maggiori entrate fiscali, ma questo orientamento induce, al contempo, le persone più fragili ad appellarsi alla fortuna, nell’illusione di risolvere i propri problemi”. Le norme sulle distanze, inoltre “non impediscono affatto all’erario di incassare gli introiti derivanti dal gioco lecito: gli apparecchi da gioco possono infatti essere ricollocati in luoghi considerati non sensibili. Il flusso delle entrate erariali potrà essere così garantito, senza alcun danno sociale e sanitario alle fasce di popolazione considerate più fragili e altrimenti indifese”.

Fonte Agipronews