UGHi per sito

Riordino giochi, Ughi (Obiettivo 2016): «Senza un bando per le scommesse, il mercato è destinato ad allargarsi»  

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Tra le conseguenze negative del mancato accordo tra Governo e Regioni c’è di sicuro lo stallo del bando scommesse, che la legge di Stabilità del 2016 prevedeva per il 1° maggio dello scorso anno e che in mancanza di un piano sulla distribuzione territoriale dei punti di gioco resta inattuabile. Un argomento che sta ovviamente a cuore a Maurizio Ughi, che qualche anno fa ha dato vita a Obiettivo 2016 proprio nella prospettiva del bando e della definizione del mercato legale. Se la situazione non si sbloccherà, sarà difficile evitare una proroga delle concessioni. «Se proroga ci sara – dice Ughi ade Agipronews – sarà senz’altro onerosa. Al riguardo, c’è un aspetto molto importante su cui riflettere. L’eventuale proroga dovrà prevedere l’apertura al mercato di soggetti non autorizzati, altrimenti si configurerebbe un indebito favore ai concessionari e l’Unione Europea aprirebbe una procedura d’infrazione. Quindi, il mercato si allargherebbe, il che è l’esatto contrario di ciò che si propone il piano di riordino».

(Fonte Agipronews)