luigi di maio

Reddito di cittadinanza e Quota 100: dalle slot 150 milioni di euro, 140 milioni da tassa vincite 10 e Lotto

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Un’ulteriore stretta sulle slot, oltre a sanzioni più severe per il gioco illegale e al ritocco sulla tassa della fortuna del 10 e Lotto. Sono alcune delle misure previste dal Governo per finanziare il reddito di cittadinanza e le pensioni con “Quota 100”.

SLOT, ANCORA UN AUMENTO DELLE TASSE - Per il settore slot, le misure in esame contengono un ulteriore aumento per le tasse sulle slot machine dello 0,65%, per un totale di 150 milioni di euro di nuove entrate. È inoltre previsto il raddoppio da 100 a 200 euro per ottenere i nulla osta di distribuzione sugli apparecchi – misura da 26 milioni a carico dei produttori degli apparecchi – e un aumento del 10% sull’anticipo che i concessionari delle macchine da gioco versano come acconto nel sesto bimestre dell’anno.

10ELOTTO, VINCITE PIU’ CARE - Il Governo ha inoltre pensato a un ritocco verso l’alto della tassa sulla fortuna sul 10eLotto, con un prelievo per i giocatori all’11 per cento delle vincite, che porterà a 140 milioni di nuove entrate. Le vincite per gli altri «giochi numerici a quota fissa» resterebbero invece all’8 per cento.
CONTRASTO AL GIOCO ILLEGALE - Il provvedimento dell’Esecutivo contiene inoltre un giro di vite contro il gioco illegale, in particolare sui cosiddetti “totem” per il gioco online, apparecchi che collegano a siti non autorizzati: la pena massima per la raccolta abusiva raddoppia da tre a sei anni, a cui si aggiunge una sanzione fino a 50mila euro; novità che, secondo le stime, dovrebbe portare a 30 milioni ulteriori di gettito. Inoltre l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in collaborazione con la Guardia di Finanza e le altre forze di Polizia dovrà realizzare un piano straordinario di controllo e contrasto al gioco illegale. Pugno duro con gli apparecchi fuori regola, anche con offerta di giochi promozionali: multe fino a 50mila euro per ogni macchina non a norma e chiusura dei locali fino a 60 giorni. Anche in questo caso le nuove entrate stimate arrivano a 30 milioni di euro.

Fonte Agipronews