marcello minenna_monopoli

Le proposte Adm in Parlamento: proroga concessioni necessaria, senza riordino gara apparecchi impraticabile

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io Made with Flare More Info'> 0 Flares ×

È «improcrastinabile e necessario un intervento normativo di proroga del termine di scadenza di tutte le concessioni del gioco pubblico, nonché della indizione dei relativi bandi di gara». È quanto si legge nella proposta normativa presentata dal direttore generale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Marcello Minenna, nel corso dell’audizione in Commissione Finanze alla Camera sulle tematiche relative all’operatività dell’Agenzia. Dal documento, depositato questa mattina, emergono ulteriori dettagli rispetto a quanto già illustrato dal dg a inizio mese. L’emergenza epidemiologica e il blocco totale della raccolta da marzo fino alla fine di giugno «ha profondamente impattato non solo sulle entrate erariali derivanti dal gioco ma anche sugli stessi bilanci dei concessionari di Stato con effetti ancora totalmente da individuare sul quadro economico complessivo e sullo stesso equilibrio delle concessioni», riporta la relazione illustrativa della proposta normativa. Le gare previste dalla legge di bilancio 2020 si basavano su «un contesto economico-finanziario completamente diverso non più attuale e difficilmente sostenibile». Ne consegue «che le previsioni di gettito ivi contenute sono da considerarsi, allo stato, irrealistiche e da rivedere sostanzialmente al ribasso». La relazione ricorda anche le criticità legate alle legge regionali su distanziometro e limiti orari «che rendono sostanzialmente vana qualsiasi ipotesi di elaborazione di un bando di gara in materia di apparecchi da intrattenimento, settore in cui è più forte la sensibilità dell’opinione pubblica e la necessità di una regolamentazione definitiva che riesca a contemperare i confliggenti interessi pubblici del contrasto al disturbo da gioco d’azzardo e al gioco illegale e dell’esercizio della raccolta del gioco pubblico». LL/Agipro

 

Fonte Agipronews