gdf

Gdf, sequestro a Caserta: scommesse non autorizzate nel retrobottega di un bar

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

01 settembre 2015

ROMA – Una postazione per le scommesse nascosta nel retrobottega di un bar, che consentiva di puntare su calcio, ippica e altri sport, ma senza le autorizzazioni statali: è quanto hanno scoperto i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Marcianise, nell’ambito delle attività finalizzate al contrasto del gioco d’azzardo e delle scommesse non autorizzate. All’interno dello stesso locale, le Fiamme Gialle hanno inoltre rilevato la presenza di un terminale di gioco “in grado di simulare in maniera realistica il gioco del poker e della roulette”, in merito al quale il titolare del bar non è stato in grado di fornire alcun tipo di autorizzazione, né di giustificarne la provenienza e l’origine. Centinaia le schedine di gioco rinvenute dai finanzieri, le cui puntate consentivano al gestore del sistema di ottenere guadagni illeciti.
Il titolare del bar è stato denunciato alla Procura di Santa Maria Capua Vetere per violazione al Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, per ricettazione ed esercizio di gioco d’azzardo, mentre le apparecchiature utilizzate per l’illecita attività sono state sottoposte a sequestro.
Qualche settimana prima, la stessa Compagnia aveva sottoposto a sequestro altre sette apparecchiature elettroniche illecite rinvenute in un circolo privato di Maddaloni, che operava in assenza delle necessarie autorizzazioni della Questura e dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.