maurizioughi_libero

Enada Roma, Ughi (Obiettivo 2016): La tessera sanitaria strumento per riconoscere i giocatori a rischio

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

«C’è la volontà di espellere il gioco legale, questa è la verità. Ma esistono svaghi alternativi per i giocatori sani, che sono la stragrande maggioranza?». È la domanda di Maurizio Ughi, amministratore unico di Obiettivo 2016, nel corso della tavola rotonda che si è tenuta martedì 8 ottobre a Enada Roma. Ughi si è soffermato anche sul tema della ludopatia: «Si parla molto di gioco patologico, ma allora perché non ci consegnano la lista dei ludopatici sotto cura? In questo modo avremmo la possibilità di vietare loro l’ingresso nei nostri locali. Il problema è che questa lista nessuno ce l’ha e comunque non ce la darebbero. Dall’inizio del prossimo anno gli apparecchi funzioneranno solo con la tessera sanitaria. Si potrebbe utilizzare quella per riconoscere i giocatori a rischio». Sull’impatto proibizionistico delle leggi regionali: «Il settore non ha altre colpe che quella di rispettare le regole. Si dà una concessione poi si chiede di spostare un negozio. Come parcheggiare l’auto all’interno delle strisce e ritrovarsi con una multa».

 

FONTE AGIPRONEWS