giochi

Confindustria SGI presenta oggi a Roma i risultati dello studio “L’industry italiana dei giochi pubblici”

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

25 giugno 2015

ROMA – Le dimensioni economiche, le caratteristiche e gli effetti della regolazione sull’industria del gioco pubblico. Sono questi i principali aspetti esaminati dallo studio “L’industry italiana dei giochi pubblici” presentato oggi a Roma, nel corso di un convegno organizzato da Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera dell’industria del gioco e dell’intrattenimento aderente a Confindustria.

Nel 2014 il valore della produzione industriale complessivamente generato dall’intera filiera del gioco è stato di 500 milioni di euro, con quasi 5.000 addetti ai lavori. Al primo posto i prodotti di gioco, che con 264 milioni rappresentano la fetta più ampia del valore complessivo (il 52,9%). Seguono i terminali, con 215 milioni di produzione (43,1%) e le reti e i sistemi di controllo dei concessionari con 20 milioni (4%). Per quanto riguarda i prodotti di gioco, il valore della produzione risulta concentrato nel settore delle gamong machines, per una percentuale complessiva tra AWP e VLT di 60,3% e un valore di 302 milioni di euro. Segue il settore delle lotteries con 120 milioni (24,1%), i prodotti di gioco online con 51 milioni (10,1%), il betting con 24 milioni (4,8%) e il bingo con 3 milioni (0,6%).

Fonte Agipronews

Clicca qui per approfondire