CHI SIAMO

Lo sai chi siamo?
Noi siamo quelli che, al fianco dello Stato, hanno fondato il mercato delle scommesse legali in Italia
Noi abbiamo portato alla luce una rete sotterranea di scommesse illegali e fuori da ogni controllo
Noi abbiamo lottato senza sosta dal 1998 per sottrarre alla criminalità organizzata il settore delle scommesse
Noi lottiamo ancora adesso, che il mercato delle scommesse è legale e regolamentato, nonché autorizzato dallo Stato. Perché oggi, dopo anni e anni di lotta, c’è ancora chi pensa di poter aggirare le regole del gioco.
Oggi esiste una rete parallela a quella autorizzata, che vende giochi e scommesse senza autorizzazione statale.
Grazie a questa rete parallela, lo Stato rinuncia a 500 milioni di euro all’anno.
Ecco perché, oggi, lanciamo una nuova sfida:

 

 OBIETTIVO 2016, PER UNA SCOMMESSA UGUALE PER TUTTI

 

Il Sito

Faremo il punto sul mercato raccontandone evoluzione e sviluppi, raccogliendo opinioni e punti di vista. Saremo un radar puntato sulla concorrenza sleale rappresentata dai punti non autorizzati che operano in assenza di regolare concessione sul territorio italiano, in ottica del riordino del settore scommesse, previsto per il 30 giugno 2016.

 

 

L’Informazione

 

La linea di partenza di Obiettivo 2016 è disegnata con uno scopo preciso, cruciale: la correttezza dell’informazione.  Il cammino sarà difficile e ci aspettano salite faticose, ma non c’è difficoltà – per quanto grande – che possa rallentare la nostra voglia di sensibilizzare istituzioni ed enti regolatori attraverso denunce, esposti, campagna di informazione.

 

“Siamo una voce fuori dal coro”

 

La protesta

 

Siamo una voce fuori dal coro. Ma anche un coro che alza la voce per protestare contro il proliferare di punti scommesse riconducibili a bookmaker esteri che invadono il mercato italiano senza pagare le tasse, ritagliandosi una piega sleale sul piano della concorrenza: è così che riescono a offrire un prodotto più competitivo rispetto a una rete di agenzie autorizzate ormai al collasso.

 

 

 2016_lettera_renzi

Lascia un commento